Onde radio naturali  
Home    Guida ai campi Campi tipici  


Vi è la tendenza a credere che le onde radio siano solo prodotte artificialmente, a differenza delle onde luminose. Questo non è assolutamente vero. Sappiamo che un qualunque corpo a una temperatura sopra allo zero assoluto genera onde E.M. su un vasto spettro di frequenze. Irraggia quindi anche onde radio in base alla formula di Rayleigh-Jeans.  Il terreno o il corpo umano stesso sono quindi fonti di onde radio "naturali".

Rayleigh-Jeans
k costante di Boltzmann (1,38 10-23 J/K)
T temperatura assoluta  (Kelvin)
fmax massima frequenza nello spettro (Hz)
c velocità della luce (3 108 m/s)

La formula di Rayleigh-Jeans (1905) ci dice che nell'intervallo di frequenza 0-300 GHz (1 GHz = 1000 MHz), ossia quello contemplato dalla presente normativa sui campi E.M., l'irraggiamento di un corpo (approssimabile a un corpo "nero") alla temperatura di circa 25 oC è pari a 0,0026 W/m2.  Il corpo umano adulto ha una superficie esterna di poco meno di 2 m2  per cui ciascuno di noi irraggia circa 0,005 W (5 mW).

La potenza complessiva irraggiata dal nostro corpo sotto forma di onde E.M.(includendo quindi la radiazione infrarossa e quella visibile) è considerevolmente maggiore. Tuttavia, volendoci qui confrontare con la normativa esistente, consideriamo appunto solo l'intervallo 0-300 GHz.
Questa radiazione è concentrata nella zona a più alta frequenza dello spettro dato che la formula di Rayleigh-Jeans dice che la potenza cresce col cubo della frequenza.

Siamo fuorilegge?
Secondo le leggi italiane il limite ("valore di attenzione") di 6 V/m per il campo elettrico corrisponde a 0,095 W/m2. Fortunatamente questo limite è circa 20 volte superiore a quanto il nostro corpo irraggia  (0,0026 W/m2) e quindi possiamo sentirci rassicurati: "rientriamo nella norma".

Se abbattessimo il limite dagli attuali 6 V/m a 0,6 V/m non dovremmo superare 0,000095 W/m2. Il corpo di ognuno di noi si troverebbe allora automaticamente fuori legge. La soluzione teorica sarebbe di abbassare la nostra temperatura a 82 K (circa -191 oC), una ipotesi difficilmente praticabile.

Le potenze irraggiate da vasti territori sono elevatissime
Consideriamo la provincia di Roma. La sua superficie è pari a 5353 km2. La potenza irraggiata dal suolo, edifici ecc. si ottiene moltiplicando 0,0026 W/m2per la superficie. Troviamo P = 13, 9 MW (Megawatt o Milioni di Watt) !! Questo è più delle potenza di tutti i trasmettitori radio e TV installati sul territorio. In definitiva le sorgenti naturali di onde radio non possono essere ignorate. Inventarsi dei limiti troppo bassi non ha alcun senso fisico quando non rasenta il ridicolo.


 
 

Home

Aggiornata  

© 2000-2006 G. Carboni